Candidata Sindaca a Castel Mella per la lista Centro Sinistra Unito

Sono la candidata sindaca della nostra lista “Castel Mella Bene Comune – Centro Sinistra Unito”: ho scelto, consapevolmente, di nominarmi al femminile, auspicando che la collettività ammetta questa evidenza lampante e inizi a riconoscere le donne, a partire dal linguaggio, perché il primo passo del rispetto è il riconoscimento. 

Da oltre 30 anni sono attiva nella vita partecipativa, sociale e culturale di Castel Mella. Ho deciso di esserci ancora per senso civico, per non lasciare senza possibilità di scelta alternativa tutti i concittadini che sono rimasti delusi da cinque anni di amministrazione di centro destra a trazione leghista e per riportare l’entusiasmo della partecipazione a quelle migliaia di persone che da anni non votano. Delusioni per cinque anni di promesse non mantenute, di opere pubbliche non realizzate o realizzate male, al punto da crollare dopo poco tempo, con grande spreco di denaro pubblico. Denaro che l’amministrazione uscente ha avuto tra le mani, perché liberata dai vincoli del “patto di stabilità” che, invece, in passato ha impedito molte azioni necessarie ma non sostenibili.

Vorrei che si ripartisse da qui: dalle esigenze della popolazione di Castel Mella, che ben conosco dopo 33 anni di volontariato nelle Acli e di ascolto delle problematiche delle persone. Problematiche che non ho mai smesso di affrontare, con sensibilità unita a determinazione: non dimentico le battaglie iniziate e ancora da vincere.

Tra queste quelle ambientali sono al primo posto, dalla ex-Ghiraf ai rifiuti radioattivi che ancora minacciano il nostro territorio, soprattutto nelle zone del sito Caffaro; dai siti ancora contaminati dall’amianto a quelli mangiati dal cemento in seguito a scelte scellerate di gestione urbanistica. 

Sono convinta di essere una garanzia di continuità per queste battaglie, così come di serietà di rispetto delle semplici regole della democrazia che l’amministrazione uscente ha volutamente trascurato, agevolata in questo dall’emergenza Covid che ha impedito la partecipazione e, quindi, la partecipazione e il controllo da parte delle cittadine e dei cittadini. Due anni di pandemia, i lockdown, le restrizioni, hanno ferito il tessuto sociale. Cominciamo da qui: dal prendersi cura delle persone, delle loro esigenze per sfruttare al meglio i fondi che, questa volta, arriveranno. Ma i soldi vanno gestiti programmando e pianificando con una visione non emergenziale bensì di sviluppo, per non ripetere gli errori che sono sotto gli occhi di tutti soprattutto in termini di opere pubbliche realizzate male e quindi già da rifare, come il tetto della palestra o il bosco urbano abbandonato a se stesso. Solo la lista “Castel Mella Bene Comune – Centro Sinistra Unito”, con la partecipazione attiva di tutta la popolazione, può guidare una rinascita intelligente, sociale, culturale, con attenzione particolare alle giovani famiglie, a quelle in difficoltà, alle nuove generazioni e a quelle degli anziani, che sono da aiutare e valorizzare come risorse e non come pesi.

Ecco cosa voglio realizzare in poche parole: cinque anni di sviluppo, pace, serenità, rispetto e cura dell’ambiente e delle persone.

 

Ecco cosa voglio realizzare in poche parole: cinque anni di sviluppo, pace, serenità, rispetto e cura dell’ambiente e delle persone

Il sostegno espresso da Caterina Avanza, Consigliera politica al parlamento europeo e responsabile PD per la cooperazione e lo sviluppo"